Attività del Polyporus

Il Polyporus umbellatus è un fungo saprofita che contiene ergosterina, acido alfa-idrossi-tetra-eicosenoico, biotina, oltre a polisaccaridi e polipeptidi vari. È inoltre ricco di calcio, potassio, ferro e, nel fungo, sono presenti anche piccole quantità di sodio e oligoelementi come manganese, rame e zinco. È utilizzato nella Medicina Tradizionale Cinese (MTC) per dare supporto in caso di edema e di ristagno di fluidi[1]. L'edema è il termine medico per indicare una condizione di gonfiore in cui vi è un accumulo di liquidi negli spazi interstiziali dell'organismo. Si tratta di una risposta generale del corpo a lesioni o infiammazione e può essere isolato a una piccola area o influenzare tutto il corpo. Farmaci , infezioni, la gravidanza e molti altri fattori possono essere causa della formazione dell'edema. Si verifica quando i piccoli vasi sanguigni diventano "permeabili" e rilasciano fluido nei tessuti circostanti. Questo fluido extracellulare si accumula e provoca il rigonfiamento dei tessuti.

Il Polyporus è da sempre utilizzato per dare utile supporto in questo tipo di problematiche, come in caso di perdite vaginali, stitichezza, disfunzione urinaria, ittero e diarrea. Studi fitochimici hanno evidenziato la presenza di molti metaboliti secondari preziose come steroidi, polisaccaridi, antrachinoni e nucleosidi nel fungo e gli estratti grezzi e i composti isolati hanno mostrato un ampio spettro di attività farmacologiche tra cui l'azione diuretica, nefroprotettiva, anti-cancro, immuno-stimolante, epatoprotettiva, anti-infiammatoria e antiossidante. Gli studi farmacocinetici effettuato hanno dimostrato che l'ergosterolo e l'ergone presenti nel fungo avevano un'elevata distribuzione, un buon assorbimento nel plasma ed erano principalmente escreti nelle feci.

L'ergone, uno steroide fungino derivante dall'ergosterolo e antagonista dell'aldosterone, blocca il riassorbimento del sodio e impedisce, conseguentemente, la perdita di potassio a livello renale, senza provocare squilibri ionici nell'organismo. Nelle patologie correlate a ristagno e ritenzione idrica, risulta particolarmente efficace e può esser somministrato per tempi lunghi[2].

La ricerca farmacologica moderna ha mostrato che gli estratti grezzi e i composti isolati dal Polyporus umbellatus possiedono molti tipi di funzioni biologiche, in particolare nelle attività di diuretico e il trattamento di malattie renali e anti-cancro, attività immuno-stimolanti ed epatoprotettive. Le vie di distribuzione, assorbimento, metabolismo ed escrezione di principali composti steroidei sono stati chiariti da diversi studi di farmacocinetica. La maggior parte degli studi farmacologici sono stati condotti usando estratti grezzi di Polyporus, negli animali, soprattutto per l'attività diuretica e per il trattamento delle malattie renali. Inoltre, più esperimenti in vitro, studi in vivo e clinici dovrebbero essere incoraggiati in modo tale da identificare eventuali effetti collaterali o tossicità. Questi risultati potranno ampliare ulteriormente il potenziale terapeutico esistente di questo fungo e fornire un supporto utile per il suo utilizzo clinico nella medicina moderna[3].

Bibliografia

1. Chang, H. M. & P. P. But, 1986. Pharmacology and Applications of Chinese Materia Medica. Vol. 1. Singapore, World Scientific.
2. Wi Young Lee, Youngki Park and Jin Kwon Ahn. Mycobiology. 2007 Giugno; 35 (2): 82-86.
3. Zhao YY. Traditional uses, phytochemistry, pharmacology, pharmacokinetics and quality control of Polyporus umbellatus (Pers.) Fries: a review. J Ethnopharmacol. 2013 Aug 26;149(1):35-48. doi: 10.1016/j.jep.2013.06.031. Epub 2013 Jun 26.