Azione Antiangiogenica del Maitake

La Grifola frondosa, meglio conosciuta con il nome di Maitake, è un fungo medicinale considerato un vero e proprio super-food, utilizzato da secoli nella Medicina Tradizionale Cinese per problematiche legate alla sindrome metabolica[1], come ad esempio l’ipertensione, e come supporto efficace del sistema immunitario[2]. Appartiene all’ordine delle Polyporales, a cui appartiene il Ganoderma lucidum (un altro fungo medicinale molto importante per la MTC), e cresce in grappoli alla base degli alberi, in particolare querce. Il fungo è nativo della parte nord-orientale del Giappone e del Nord America ed è molto apprezzato sia dal punto di vista medico sia da quello culinario.

Questo fungo è divenuto particolarmente famoso per una miscela di beta-glucani che lo compongono: la Frazione-MD. Questa miscela è un miscuglio polisaccaridico di diversi beta-glucani, principalmente beta-1,3-glucani con ramificazioni beta-1,6[3], che è in grado di stimolare il sistema immunitario dell’organismo, in particolare l’attività delle cellule Natural Killer (NK) e delle cellule presentanti l’antigene (APC)[3].

Inoltre, il Maitake sembra essere molto utile nei pazienti oncologici in corso di terapia chemioterapica antineoplastica, avendo il potenziale per ridurre la soppressione ematopoietica indotta dalla chemioterapia[4]. Per il paziente oncologico non è da sottovalutare nemmeno la sua azione ipoglicemizzante: la cellula tumorale è una cellula anomala e il suo principale nutriente è il glucosio. Sfruttando l'azione della piruvato chinasi, un enzima coinvolto nel metabolismo di questo glucide, la cellula cancerosa produce energia assumendo glucosio a una velocità molto superiore di quella delle altre cellule. Ciò permette alla cellula di funzionare in modo molto simile alle cellule fetali, promuovendo una crescita rapida[5]. Il Maitake contiene un inibitore della glucosidasi alfa naturale, enzima che idrolizza il maltosio in due molecole di glucosio[6], e questo gli permette di controllare efficacemente i livelli di glucosio nel sangue.

Ciò che però colpisce di questo fungo e della sua frazione polisaccaridica è la capacità di inibire l’angiogenesi in caso di cancro, tramite l’inibizione del fattore di crescita dell’endotelio vascolare (VEGF)[7]. Questo fattore di crescita, assieme al fattore di crescita dei fibroblasti (FGF), è indispensabile per la vasculogenesi e l’angiogenesi, ovvero la formazione di vasi sanguigni ex-novo o da strutture già esistenti. È stato ampiamente dimostrato in numerosi studi che uno dei passi fondamentali nella formazione neoplastica è la sovrapproduzione di VEGF da parte delle cellule tumorali, consentendo a queste ultime un costante rifornimento di nutrienti essenziali al soddisfacimento del loro metabolismo accelerato. L’angiogenesi è alla base per la formazione delle metastasi tumorali: con una buona rete vascolare, il tumore può proliferare e migrare in altri distretti corporei, intaccandone i tessuti e sviluppando una nuova massa tumorale. Il Maitake può risultare, quindi, un coadiuvante molto importante da associare alle normali cure chemioterapiche, potenziando il sistema immunitario, riducendo alcuni degli effetti collaterali delle terapie chemioterapiche e inibendo l’angiogenesi.

Fonti bibliografiche

1. Harry G. Preuss, Bobby Echard, Debasis Bagchi and Nicholas V. Perricone. Maitake Mushroom Extracts Ameliorate Progressive Hypertension and Other Chronic Metabolic Perturbations in Aging Female Rats. Int J Med Sci. 2010; 7(4): 169–180. Published online 2010 Jun 7. PMCID: PMC2887057
2. Kodama N, Kakuno T, Nanba H. Stimulation of the natural immune system in normal mice by polysaccharide from Maitake mushroom. Mycoscience. 2003;44(3):257–261.
3. Kodama N, Komuta K, Nanba H (2002). Can Maitake MD-fraction aid Cancer patients?. Alternative Medicine Review 7: 236-239.
4. Cristina Lull, Harry J. Wichers and Huub F. J. Savelkoul. Antiinflammatory and Immunomodulating Properties of Fungal Metabolites. Mediators Inflamm. 2005 Jun 9; 2005(2): 63–80. doi: 10.1155/MI.2005.63. PMCID: PMC1160565
5. http://www.lescienze.it/news/2008/03/13/news/la_questione_energetica_delle_cellule_tumorali-580153/
6. Bruni, C.B., Sica, V., Auricchio, F. and Covelli, I. Further kinetic and structural characterization of the lysosomal ?-D-glucoside glucohydrolase from cattle liver. Biochim. Biophys. Acta 212 (1970) 470–477. Entrez PubMed 5466143
7. Lee JS, Park BC, Ko YJ, et al. (December 2008). "Grifola frondosa (maitake mushroom) water extract inhibits vascular endothelial growth factor-induced angiogenesis through inhibition of reactive oxygen species and extracellular signal-regulated kinase phosphorylation". Journal of Medicinal Food 11 (4): 643–51. doi:10.1089/jmf.2007.0629. PMID 19053855.