Ganoderma Lucidum - Reishi

Introduzione

Il Ganoderma lucidum (conosciuto col nome di Ling Zhi mentre in Giappone con l'appellativo di Reishi) è stata una specie economicamente importante, in particolare nei paesi dell'Estremo Oriente (Cina, Giappone, Corea, ecc), per oltre 4000 anni. E 'ampiamente coltivato su scala commerciale internazionale ed è comunemente acquistato per la sue proprietà medicinali e spirituali.

Nome e Descrizione Generale

In latino, “lucidum” significa lucido o brillante e appropriatamente descrive il corpo fruttifero dall’aspetto modellato, scolpito e verniciato di questo fungo. I cinesi e i coreani lo conoscono come Ling Zhi (fungo d’erba e dell’immortalità), mentre i giapponesi chiamano questo fungo Reishi o Mannentake (fungo dei diecimila anni). Le virtù dell’estratto di Ganoderma lucidum, tramandate di generazione in generazione, lo includono come un ''cura cancro'' e simbolo di felice augurio, buona fortuna e salute, longevità e perfino d’immortalità. A partire dalla dinastia Yuan (1280-1368 d.C.), il Reishi è stato rappresentato all'infinito nell'arte, in dipinti, in sculture di giada e corna di cervo, in mobili e disegni di tappeti, in balaustre, in gioielli, in pettini per capelli di donne, nelle bottiglie di profumo, insomma, ovunque un impulso artistico ha trovato uno sbocco. La più antica citazione di Ling Zhi è avvenuta nell'era del primo imperatore della Cina, Shinghuang della dinastia Ch'in (221-207 a.C.).

Successivamente, descrizioni di questo fungo aumentarono attraverso la letteratura cinese e l'arte. Il fungo è conosciuto da molti in Nord America e in Europa come fungo “tavolozza dell'artista'' (il vero tavolozza dell’artista è, però, il Ganoderma applanatum). Una descrizione dettagliata del fungo Reishi e la sua tassonomia può essere trovato nel Refs.

Habitat

Questo fungo annuale cresce su una grande varietà di alberi morti o morenti, ad esempio, alberi decidui soprattutto querce, aceri, olmi, salici, storace americano (Liquidambar styraciflua o sweetgum) e magnolia. Il Ganoderma lucidum cresce meno frequentemente su conifere (ad esempio, Larix, Picea, Pinus) in Europa, Asia, Nord e Sud America (in zone temperate piuttosto che in regioni subtropicali). In Oriente, si sviluppa principalmente su alberi di prugne; si trova anche su ceppi, generalmente in prossimità del suolo e occasionalmente su terreni in cui vi sono radici sepolte.

Commestibilità

Il fungo ha un sapore legnoso, è troppo duro per essere considerato commestibile ed essere mangiato.

Specie Correlate e Coltivazione Artificiale

Il Ling Zhi comprende diverse specie di Ganoderma, che sono ampiamente usati per scopi medicinali. Secondo i due più famosi libri di medicina vegetale cinese, Shen Nong Ben Cao Jing (25-220 d.C., Dinastia Han Orientale) e Ben Cao Gang Mil da Li Shi-Zhen (1590 d.C., dinastia Ming), sei varietà della specie Ling Zhi erano note in Cina a quel tempo. In tutto il mondo, sono state descritte più di 250 specie di Ganoderma tuttavia, nelle pratiche terapeutiche e citazioni di letteratura, il termine Ganoderma di solito si riferisce alla specie di Ganoderma lucidum. Oltre ad essere stato apprezzato, per il suo valore medicinale in Cina, per più di 1000 anni, la mancanza di disponibilità di Ganoderma lucidum è stato anche in gran parte responsabile del perché sia così amato e molto costoso. Durante i tempi antichi, in Cina, ogni persona che prendesse il fungo dal suo ambiente naturale e lo presentasse a un alto funzionario veniva, generalmente, ben ricompensato. Anche nei primi anni '50 è stato presentato ai leader cinesi della Cina continentale e Taiwan, dopo la sua scoperta occasionale in natura. In passato, il Reishi cresceva solo in piccole quantità in natura e, pertanto, questo lo rendeva molto costoso.

La coltivazione artificiale di questo prezioso fungo è stata raggiunta con successo nei primi anni '70, e dal 1980 la produzione di Ganoderma lucidum si è sviluppata rapidamente, soprattutto in Cina. Il processo di produzione dei corpi fruttiferi è la stessa che per altri funghi commestibili coltivati e può essere diviso in due fasi principali. Il primo riguarda la preparazione del terreno di cultura e il suo immagazzinamento, la scelta e l’impianto del micelio madre, mentre la seconda prevede la preparazione di substrati di crescita per la coltivazione dei funghi. Attualmente, i metodi più diffusi adottati per la produzione commerciale sono il pezzo di legno, tronco d'albero, sacchetto di segatura, e le procedure di bottiglia (per i dettagli di coltivazione, vedi Refs). È importante che la coltivazione rispetti le norme GMP e di coltivazione biologica europea, le stesse norme che garantiscono un prodotto di qualità e privo di contaminanti e che la produzione extra europea, come Cina, Malesya, Stati Uniti ecc., non può garantire.

Storia e Usi Tradizionali

Il Ganoderma lucidum è stato usato nella medicina popolare di Cina e Giappone, soprattutto nel trattamento di epatopatie, epatite cronica, nefrite, ipertensione, artrite, nevrastenia, insonnia, bronchite, asma e ulcere gastriche. In Cina, è stato amato per oltre 4000 anni come tonico che promuove la longevità.

Secondo Hikino, ''gli elisir più importanti in Oriente'' sono ginseng (Panax ginseng C.A.Meyer) ed i corpi fruttiferi di Ganoderma lucidum. La storia del Ganoderma è iniziata sotto il nome di ling chih, in seguito traslitterato in Reishi dal giapponese. Il fungo è apparso per la prima volta nella letteratura cinese durante la dinastia Han (206 a.C.-220 d.C.). Il cronista della dinastia Han, Pan Ku, ha scritto una poesia utilizzando il termine ling chih. Tuttavia, l'associazione tra il fungo originale chih e Ganoderma lucidum derivava chiaramente da una leggende di un precedente misterioso fungo o vegetale chih “dell'immortalità” registrato nell’India. Infatti, la versione delle leggende indiane, riguardanti questo fungo, furono scoperte più avanti, in forma quasi identica nella letteratura cinese, in riferimento a quello che sarebbe il ling chih (Reishi). Oltre alle sue proprietà medicinali, il Reishi è stato utilizzato in Oriente come un talismano per proteggere una persona o una casa contro il male.

Gli usi medicinali del Ganoderma lucidum in antichi paesi dell'Estremo Oriente prevedevano il trattamento della nevrastenia, debolezza dovuta a malattia prolungata (cachessia), insonnia, anoressia, vertigini, epatite cronica, ipercolesterolemia, avvelenamento da funghi (antidoto), malattia coronarica, ipertensione, il cancro e la tosse bronchiale nei pazienti anziani. La ricerca cinese, negli ultimi dieci anni, si è concentrata per trattare diverse casi come l’antiaging, il prolungamento della vita, l’ischemia cerebrale, il danno da riperfusione, l’epatite cronica virale, la disfunzione sessuale maschile, l’ipercolesterolemia, il ripristino della funzione immunologica negli anziani, la tossicità indotta dalla chemioterapia, l’immunosoppressione, l’attività antitumorali e  l’immunostimolazione. Diversi tipi di Ganoderma lucidum, secondo la Medicina Tradizionale Cinese (MTC ), hanno gusti, aspetti e colori diversi e quindi colpiscono diversi organi. Sulla base del loro colore, sei diversi tipi di Ganoderma lucidum sono stati classificati, ciascuno con differenti usi.

 

Fonti: Institute of Evolution, University of Haifa, Mount Carmel, Haifa, Israel