Il Lentinano per la prevenzione influenzale

L’influenza è una malattia infettiva respiratoria causata dal virus dell’influenza, un RNA virus appartenente alla famiglia degli Orthomyxoviridae. Esistono tre tipi di virus influenzali che colpiscono le persone e sono il tipo A, il tipo B e il tipo C.

Il virus di tipo A è il più comune e il più soggetto a mutazioni rispetto ai virus di tipo B e di tipo C. Il virus si diffonde attraverso l’aria da colpi di tosse o starnuti e può anche essere trasmesso toccando superfici contaminate e, successivamente, toccando bocca o occhi. L’OMS consiglia di lavarsi frequentemente le mani, utilizzare la mascherina chirurgica e di eseguire vaccinazioni annuali per prevenire l’influenza.

Va però ricordato che un vaccino effettuato nell’anno non può essere utile l’anno successivo, poiché il virus evolve rapidamente.

Spesso influenza e raffreddore vengono erroneamente impiegati come sinonimi e/o confusi: il raffreddore è un’infezione virale delle prime vie respiratorie, caratterizzato da infiammazione di naso e gola e tra i sintomi più comuni troviamo starnuti, produzione di muco, congestione nasale, catarro, mal di gola, tosse, mal di testa e stanchezza. L’influenza è anch’essa una malattia infettiva respiratoria ma, a differenza del raffreddore, è considerata tale solamente se ci sono tre condizioni presenti contemporaneamente, ovvero febbre elevata, sintomi sistemici e sintomi respiratori.

«La “tendenza ad ammalarsi” è legata ad uno squilibrio dell’organismo che porta il sistema immunitario a non reagire adeguatamente agli stimoli esterni. La resistenza immunitaria e una risposta equilibrata di questo sistema è di fondamentale importanza per la prevenzione e la gestione delle infezioni invernali».

I Funghi Medicinali sono impiegati da secoli in Medicina Tradizionale Cinese (MTC) per stimolare l’attività del sistema immunitario, in particolare lo Shiitake (Lentinula edodes), l’AbM (l’Agaricus blazei Murrill), il Reishi (Ganoderma lucidum), il Coriolus (Trametes versicolor) e il Cordyceps sinensis. Studi recenti hanno dimostrato la loro capacità di influenzare la risposta del sistema immunitario (Biological Response Modifiers – BRM) dovuta a specifici composti in essi contenuti, ovvero i β-glucani.

Questi sono composti polisaccaridici i cui monomeri (D-glucosio) sono legati tra di loro, tramite legame glicosidico β-1,3, a formare lunghe catene con la possibilità di avere ramificazioni quando vi è un legame glicosidico β-1,6. I numerosi studi effettuati hanno dimostrato che la loro attività sembra dipendere dalla dimensione e dalla complessità strutturale, in particolare la conformazione dello scheletro polisaccaridico, ma soprattutto la tripla elica con avvolgimento destroso (e sostituenti idrofilici localizzati sulla superficie esterna della stessa), sembra essere la prerogativa principale affinché via sia una funzionalità a livello fisiologico[1].

Uno specifico β-glucano, il Lentinano, ha dimostrato possedere la capacità di aumentare il numero di Linfociti B circolanti[2]: una volta preso contatto con uno specifico antigene e trasformatesi in plasmacellule, queste cellule sono incaricate della produzione di anticorpi (IgG e IgM) che andranno a stimolare la risposta immunitaria. Inoltre, questo polisaccaride è in grado di stimolare la proliferazione dei Linfociti T[3] e ciò renderà l’organismo meno suscettibile all’aggressione da parte di patogeni quali batteri e virus.

Un altro fungo interessante è il Ganoderma lucidum: i suoi triterpenoidi hanno dimostrato la capacità in vitro di inibire l’enzima neuraminidasi[4], glicoproteina espressa tipicamente sulla superficie dei virus influenzali (RNA virus) che favorisce la diffusione del virus dopo la replicazione evitando l’autoaggregazione delle particelle e impedendo il loro sequestro nel muco o sulla superficie di cellule inappropriate. Inibire questo enzima significa evitare che il virus possa infettare altre cellule e bloccare di conseguenza l’infezione.

Fonti bibliografiche:

  1. Volman, Julia J (20 November 2007). "Dietary modulation of immune function by β-glucans". Physiology & Behavior. doi:10.1016/j.physbeh.2007.11.045.
  2. Gaullier JM, Sleboda J, Øfjord ES, Ulvestad E, Nurminiemi M, Moe C, Tor A, Gudmundsen O. Supplementation with a soluble β-glucan exported from Shiitake medicinal mushroom, Lentinus edodes (Berk.) singer mycelium: a crossover, placebo-controlled study in healthy elderly. Int J Med Mushrooms. 2011;13(4):319-26.
  3. Hanaue H, Tokuda Y, Machimura T, Kamijoh A, Kondo Y, Ogoshi K, Makuuchi H, Nakasaki H, Tajima T, Mitomi T, et al. Effects of oral lentinan on T-cell subsets in peripheral venous blood. Clin Ther. 1989 Sep-Oct;11(5):614-22.
  4. Zhu Q, Bang TH, Ohnuki K, Sawai T, Sawai K, Shimizu K. Inhibition of neuraminidase by Ganoderma triterpenoids and implications for neuraminidase inhibitor design. Sci Rep. 2015 Aug 26;5:13194. doi: 10.1038/srep13194.