Germanio Organico

Il Germanio è un elemento chimico della tavola periodica, classificato come metalloide o semimetallo, con numero atomico 32 e simbolo Ge. Il germanio è un semiconduttore e l’elemento puro era comunemente miscelato con arsenico, gallio o altri elementi e utilizzato come un transistor in migliaia di applicazioni elettroniche. Oggi, tuttavia, è stato sostituito da altri semiconduttori. L’ossido di germanio ha un alto indice di rifrazione e di dispersione e questo lo rende adatto per produrre lenti grandangolari della fotocamera e lenti degli obbiettivi per microscopi. È anche usato come agente legante (aggiungendo l’1% di germanio, l’argento non si ossida) in lampade fluorescenti e come catalizzatore.

Sali e ossidi privi legame carbonio-germanio sono classificati come forme inorganiche. La forma inorganica più comune è il biossido di germanio (GeO2). Il Germanio sesquiossido (Germanio Organico-132) è un integratore popolare usato per i sintomi del cancro. Il composto attivo, il carbossietil sesquiossido di germanio ((GeCH2CH2COOH)2O3), si trova in abbondanza nel fungo Reishi e nel Ginseng. Il Germanio-132 ha tre atomi di ossigeno ed è, per cui, un donatore molto efficiente di elettroni. Si fonde con i radicali liberi e li elimina dall’organismo attraverso processi di escrezione. Inoltre, aiuta le difese naturali dell’organismo contro le malattie e l’invecchiamento.

La sua azione principale è il ripristino dell’equilibrio naturale delle cellule del sistema immunitario; infatti, composti contenenti Germanio sono stati testati come agenti chemioterapici[1], ma nessun composto a base di Germanio ha ancora dimostrato un uso farmaceutico, sia come agente chemioterapico antibatterico o antitumorale. Propagermanium, Germanio organico e beta-Carbossietil Germanio Sesquiossido sono usati con farmaci complementari e sono utili per stimolare il sistema immunitario dei malati di cancro. È anche usato come adiuvante nel trattamento dell'AIDS, malattie cardiache e artrite[2].

Il 2-Carbossietil Germanio Sesquiossido (CEGS) è stato realizzato dal dott. Mironov e i suoi collaboratori in Russia e, poco dopo, è stato reso popolare da Asai e dai suoi colleghi in Giappone. Basse concentrazioni di germanio si trovano in quasi tutti i suoli, piante e negli animali. Vi sono numerose ricerche che dimostrano il suo effetto antitumorale: il CEGS induce la produzione di interferone-gamma (IFN-gamma), aumenta l’attività delle cellule natural killer, inibendo la crescita tumorale e quella metastatica (effetti spesso rilevabili dopo una singola dose orale). Inoltre, quando il Germanio Organico è assunto per via orale è facilmente assimilabile e rapidamente eliminato dal corpo senza evidenza di tossicità[3]. Questi studi clinici, e l’utilizzo del Germanio Organico in studi privati, hanno dimostrato l’efficacia di questo elemento nel trattamento di una vasta gamma di patologie, tra cui il cancro, l'artrite e l'osteoporosi senile. Le proprietà antivirali e immunologiche del Germanio che, oltre all’induzione dell’interferone e l’attività naturale delle cellule killer, aumenta il numero di macrofagi e cellule T-suppressor, suggeriscono la sua possibile efficacia nel trattamento e/o prevenzione dell’AIDS[4,5].

Una certa attenzione è stata data al contenuto di germanio nel Ganoderma. Il Germanio è stato il quinto più alto in termini di concentrazione (489 mg/g) tra i minerali rilevati nei corpi fruttiferi di Ganoderma lucidum raccolti dal loro ambiente naturale[6]. Questo minerale è presente nell’ordine di parti per miliardo in molti alimenti di origine vegetale, compresi ginseng, aloe e aglio[7].

Fonti bibliografiche:

          1. Milan S, Oscar B, Joan D. Spirogermanium: A new investigational drug of novel structure and lack of bone marrow toxicity. Invest New Drugs. 1983;1:225–234.
          2. B. S. Sekhon. Metalloid compounds as drugs. Res Pharm Sci. 2013 Jul-Sep; 8(3): 145–158.
          3. Kaplan BJ, Parish WW, Andrus GM, Simpson JS, Field CJ. Germane facts about germanium sesquioxide: I. Chemistry and anticancer properties. J Altern Complement Med. 2004 Apr;10(2):337-44.
          4. Goodman S. Therapeutic effects of organic germanium. Med Hypotheses. 1988 Jul;26(3):207-15.
          5. Kolesnikova O. P, Tuzova M. N, Kozlov VA Proiezione di proprietà immunoactive di derivati dell'acido alkanecarbonic e composti di germanio-organici in vivo. Immunologiya. 1997; 10: 36-8.
          6. Chiu S. W, Wang Z. M, Leung T. M, Moore D. Nutritional value of Ganoderma extract and assessmentof its genotoxicity and antigenotoxicity using comet assays of mouse lymphocytes. Food Chem Toxicol. 2000;38:173–8.
          7. Mino Y, Ota N, Sakao S, Shi momura S. Determination of germanium in medicinal plants by atomic absorption spectrometry with electrothermal atomization. Chem Pharm Bull. 1980;28:2687–91.